lunedì 19 dicembre 2016

Fantastici Guatemala e Honduras

Due splendidi paesi raccontati con parole e immagini

Venditrice al mercato di Chichicastenango - Guatemala
Vai su <Scegli l'argomento>

domenica 18 dicembre 2016

Viaggio in GUATEMALA, HONDURAS

 "Chuchkajaue" (capopreghiera) all'opera
sulla gradinata di San Tomàs 
a Chichicastenango - Guatemala
Paesi attraversati: Guatemala, Honduras
Itinerario: 
in Guatemala: Guatemala City, Antigua, lago Atitlàn (Panajachel, Santiago Atitlàn, San Lucas Tolimàn), Chichicastenango, la cordillera de Los Cuchumatanes (villaggi Maya Ixil, Uspatàn), lago Petén Itzà, la città maya di Tikal, Livingston, le steli maya di Quiriguà, Esquipulas;
in Honduras: Copàn Ruinas, la città maya di Copàn
Periodo: febbraio 2002
Durata: 3 settimane
Ne parlo nel libro: 
Il gatto buddhista

Un viaggio entusiasmante, molto vario, in grado di soddisfare molteplici interessi. Primo tra tutti l’archeologia con i maestosi siti maya di Tikal e Copàn, poi, e non da meno, l’etnologia con i contatti costanti con la cultura e i costumi della popolazione maya che ancor oggi vivono nel paese e che si manifestano ovunque, principalmente nelle zone rurali. Una mescolanza interessante tra religione cattolica, riti maya e magia emerge non appena si esce, e neanche tanto, dalle città e dai luoghi più battuti dal turismo di massa. 

Foto GUATEMALA, HONDURAS

Paesi attraversati: Guatemala, Honduras
Itinerario: 
in Guatemala: Guatemala City, Antigua, lago Atitlàn (Panajachel, Santiago Atitlàn, San Lucas Tolimàn), Chichicastenango, lacordillera de Los Cuchumatanes (villaggi Maya Ixil, Uspatàn), lago Petén Itzà, la città maya di Tikal, Livingston, le steli maya di Quiriguà, Esquipulas;
in Honduras: Copàn Ruinas, la città maya di Copàn
Periodo: febbraio 2002
Durata: 3 settimane
Ne parlo nel libro: 
Il gatto buddhista

Venditrice di maschere a Chichicastenango - Guatemala

domenica 25 settembre 2016

Ecco Kenya e Tanzania!

Se non amate la natura africana e i suoi grandi animali
tralasciate questo post...

Giraffa nella Selous Game Reserve - Tanzania

...altrimenti cliccate il paese in 
<Scegli l'argomento>

sabato 24 settembre 2016

Viaggio in Kenya, Tanzania

Zebra di montagna - Samburu N.P. -  Kenya
 (notare le strisce molto più sottili di quelle 
della più comune zebra di Burchell)
Paesi attraversati: Kenya, Tanzania
Itinerario: 
In Kenya: Nairobi, Amboseli Nat. Park, Maasai Mara Nat. Reserve, Samburu Nat. Park
In Tanzania: Arusha, Arusha Nat. Park, Mount Kilimanjaro Nat. Park, Moshi, Dar Es Salaam, Morogoro, Mikumi Nat. Park, Selous Game Reserve, Tarangire Nat. Park, Lake Manyara Nat. Park, Ngorongoro Crater Conservation Area, Lake Natron
Periodo: agosto-settembre 1995
Durata: 1 mese

Un mese intero in Kenya e Tanzania attraverso i parchi più belli e famosi dell’Africa orientale. Approfittammo solo un paio di lodge che a quei tempi scarseggiavano, perché soprattutto la Tanzania non era ancora una meta presa d’assalto dal turismo di massa. Stavamo per lo più in tenda in campeggi spesso molto spartani, a volte recintato a volte no. In cambio la vita di campeggio ci permetteva un contatto più diretto con la natura e “incontri ravvicinati” (anche notturni) gli animali che il lodge non può regalare. A questa collana manca purtroppo una delle perle più preziose: il Serengeti Nat. Park. Una devastante rottura del nostro fuoristrada ci impedì di completare il tour. Peccato, ma prima o poi rimedierò.

Foto KENYA, TANZANIA

Paesi attraversati: Kenya, Tanzania
Itinerario: 
In KenyaNairobi, Amboseli Nat. Park, Maasai Mara Nat. Reserve, Samburu Nat. Park
In Tanzania: Arusha, Arusha Nat. Park, Mount Kilimanjaro Nat. Park, Moshi, Dar Es Salaam, Morogoro, Mikumi Nat. Park, Selous Game Reserve, Tarangire Nat. Park, Lake Manyara Nat. Park, Ngorongoro Crater Conservation Area, Lake Natron
Periodo: agosto-settembre 1995
Durata: 1 mese

Danza Samburu - Samburu N.P. - Tanzania

giovedì 18 agosto 2016

Primo viaggio-missione in Madagascar

Di fronte al medico all'ospedale "Vezo"
di Andavadoaka - Madagascar
Paese attraversato: Madagascar
Itinerario: Antananarivo, Toulear, Andavadoaka
Periodo: luglio-agosto 2016
Durata: 1 mese

Raggiungere un villaggio di 3.000 anime nel sud-ovest del Madagascar, rimanerci un mese, poi tornare a casa. Si può chiamare ‘viaggio’? Certamente non nel senso geografico del termine, ma se accettiamo qualche luogo comune (ad esempio “viaggio come conoscenza di se stessi”), beh, forse, in questo caso, potremmo parlare di viaggio. Tuttavia cambio termine, lo chiamo ‘missione’ che è il termine con il quale chiamiamo le trasferte che un volontario compie per andare a lavorare in un paese terzo. Non è questa la sede per parlare di associazionismo e volontariato. Qui mi piace parlare di un’esperienza per me del tutto nuova.

Foto primo viaggio-missione MADAGASCAR

Paese attraversato: Madagascar
Itinerario: Antananarivo, Toulear, Andavadoaka
Periodo: luglio-agosto 2016
Durata: 1 mese


Nel villaggio di Andavadoaka - Madagascar

domenica 24 aprile 2016

sabato 23 aprile 2016

Viaggio in Zimbabwe, Botswana

Paesi attraversati: Zimbabwe, Botswana
Leopardo nella Riserva Nat. Moremi - Botswana
Itinerario: 
in Zimbabwe: Harare, Old Zimbabwe, Matopos N.P., Hwange N.P., Victoria Falls e Zambesi N.P., Chizarira N.P., lago Kariba, Mana Pools N.P.
in Botswana: Chobe N.P., paludi di Savuti, riserva naturalistica Moremi, delta dell’Okavango, Maun, Nxai Pan N.P. e baobab di Baines, Magkadikgati Pan, Nata
Periodo: agosto-settembre 1992
Durata: 1 mese
Ne parlo nel libro: Il confine immaginario

Un mese immersi nell’autentica natura africana, un mese intero vissuto attraversando alcuni dei parchi più belli dell’Africa. Un viaggio in tempi nei quali il turismo non aveva ancora assunto le dimensioni attuali e quindi non proponeva lodge in ogni angolo. Ce n’erano alcuni, ovvio, ma il desiderio mio e di quelli che viaggiavano con me era, ed è ancora, quello di “vivere” l’Africa, a contatto davvero con la natura e gli animali. Quindi anche dove c’erano lodge, noi ne usavamo solo i servizi piantando comunque le nostre tende.

Foto ZIMBABWE, BOTSWANA

Paesi attraversati: Zimbabwe, Botswana
Itinerario: 
in Zimbabwe: Harare, Old Zimbabwe, Matopos N.P., Hwange N.P., Victoria Falls e Zambesi N.P., Chizarira N.P., lago Kariba, Mana Pools N.P.
in Botswana: Chobe N.P., paludi di Savuti, riserva naturalistica Moremi, delta dell’Okavango, Maun, Nxai Pan N.P. e baobab di Baines, Magkadikgati Pan, Nata
Periodo: agosto-settembre 1992
Durata: 1 mese
Ne parlo nel libro: Il confine immaginario


Giovane leone nella riserva Moremi - Botswana

venerdì 11 marzo 2016

giovedì 10 marzo 2016

Viaggio in ALGERIA DEL SUD

Verso il Tassili N'Ajjer (Algeria)
Paese attraversato: Algeria del sud
Itinerario: Tamanrasset, montagne dell’Hoggar, Telued, Ideles, erg Tihodain, Iherir, Essendilen, Ghat, stazione delle pitture rupestri di Jabbaren, erg Admer, erg Kilian, Tahaggart, Tamanrasset
Periodo: dicembre 2000 – gennaio 2001
Durata: 2 settimane
Ne parlo nel libro: Il gatto buddhista

Viaggio spettacolare in una delle più belle regioni del Sahara. L’archetipo del deserto. Il deserto del nostro immaginario, formato da dune di sabbia, esiste solo per l’8-10 % del totale, cioè il deserto di sabbia è abbastanza raro. Beh, in Algeria ce n’è una bella fetta e quindi se uno ama il deserto il sud dell’Algeria (insieme al sud della Libia, va detto) è il luogo giusto. 

Foto ALGERIA DEL SUD

Paese attraversato: Algeria del sud,
Itinerario: Tamanrasset, montagne dell’Hoggar, Telued, Ideles, erg Tihodain, Iherir, Ghat, stazione delle pitture rupestri di Jabbaren, erg Admer, erg Kilian, Tahaggart, Tamanrasset
Periodo: dicembre 2000 – gennaio 2001
Durata: 15 giorni
Ne parlo nel libro: Il gatto buddhista

Campo tra le dune dell'Erg (deserto di sabbia) Admer (Algeria)

sabato 20 febbraio 2016

Novità!

Trovate il Blog ristrutturato e organizzato per continenti

Ho pubblicato il primo viaggio europeo 
(il primo viaggio senza foto):

Paesi Baltici (Estonia, Lettonia, Lituania)

Andate su 'Scegli l'argomento'

Buona lettura!


venerdì 19 febbraio 2016

Viaggio nei PAESI BALTICI (Estonia, Lettonia, Lituania)

Paesi attraversati: Estonia, Lettonia, Lituania
Itinerario: 
in Estonia: Tallin, Lahema Park, Sillamae, Tartu
in Lettonia: parco Guaja, Riga, Rundale,
in Lituania: Vilnius, Grutas, Kaunas, penisola Curlandese, Jurgaiciai
Periodo: agosto 2005
Durata: 2 settimane
Ne parlo nel libro:  Il confine immaginario
Caratteristica: viaggio senza macchine fotografiche

Attraversando Estonia, Lettonia e Lituania (vengono citati sempre insieme perché nella storia hanno condiviso spesso l’identico destino) si viene in contatto con una realtà che li accomuna: essere stati nel passato paesi molto progrediti (sorprendente il livello dell’architettura liberty di Riga, ad esempio, o del barocco di Vilnius) e di essere poi precipitati nel buio dell’arretratezza e della dittatura dell’era sovietica, subita dalla seconda guerra mondiale fino agli anni ’90. Fortunatamente nel frattempo il muro di Berlino era caduto e i tre paesi non subirono la sorte che era toccata invece alla Cecoslovacchia e, prima ancora, all’Ungheria.
Al momento della mia visita erano ancora tre paesi fragili, appena arrivati ad essere padroni del proprio destino, forse spaventati di fronte alle nuove possibilità, ma pieni di giovani allegri e proiettati verso il futuro. Un viaggio piacevole, punteggiato ogni tanto da qualche elemento che ricordava con violenza il triste, recente passato. Come il lugubre ‘Museo dell’Occupazione della Lettonia’, a Riga, nel quale si capisce come popoli che hanno subito la violenza sia dei Tedeschi da ovest che dei Russi da Est, non abbiano dubbi a ritenere quest’ultima la più tragica. Chi l'avrebbe mai detto?

RACCONTO: Ciao Stalin!

(tratto dal mio libro: IL CONFINE IMMAGINARIO)

Per gentile concessione dell'editore POLARIS

Il sentiero si allungava davanti ai miei passi costeggiando la riva di un canale. Oltre il canale correva un reticolato, alto tre o quattro metri e dietro si alzava una torre di guardia. Guardando avanti, altre torri identiche ed equidistanti e da ogn’una un altoparlante gracchiava una musica solenne, un misto tra classica e militare, accompagnata da un canto baritonale. Ricordava i cori dell’armata rossa e russa era infatti la lingua dei canti che mi giungevano. Troppo facile riconoscere intorno a me, nella luce del mattino, i dettagli di un campo di concentramento, in quel caso di un gulag.


RACCONTO: La collina delle croci

(tratto dal mio libro: IL CONFINE IMMAGINARIO)

Per gentile concessione dell'editore POLARIS


A vederla dalla strada che corre verso Riga sembrava un'insignificante collinetta. Solo un cartello di legno avrebbe potuto fornire informazioni, se non fosse stato quasi invisibile e scritto in lituano: Kryziu Kalnas. Ma io, anche senza conoscere il lituano, sapevo dalla mia guida che quelle parole significavano collina delle croci, quindi girai il volante e seguii la direzione indicata.

giovedì 4 febbraio 2016

mercoledì 3 febbraio 2016

Viaggio in NAMIBIA, ZIMBABWE (Viaggio ATM)

Donna Herero e giovani Himba, due popoli del Kaokoland
Namibia
Paesi attraversati: Namibia, Zimbabwe
Itinerario: 
in Namibia: Windhoek, Fish River Canyon, Lüderitz, Kolmanskop, Sossusvlei, Namib Nat. Park, Swakopmund, Cape Cross, monti Drakesberg, Khorixas, Twyfelfontein, terrazze dell’Ugab, Kaokoland, Opuwo, Etosha Nat. Park, Waterberg Nat. Park;
in Zimbabwe: cascate Vittoria e Victoria Falls Nat. Park;
Periodo: luglio-agosto 1990
Durata: 1 mese
Ne parlo nel libro: Il Gatto Buddhista

Come sarà oggi la Namibia? Ai tempi del mio viaggio praticamente nessuno sapeva dove fosse, l’ho anche sentita chiamare ‘Nabibia’. Tanto per dire: per procurarci una guida del paese dovemmo rivolgerci ad un’amica che ce ne trovò una da Stanford a Londra. Lo spunto per il viaggio c’era arrivato da un numero speciale che la rivista ‘Airone’ dedicò alla Namibia nell’ottobre del 1987. Le straordinarie foto degli Himba e degli Herero, degli orici sulle dune di Sossusvlei, delle otarie di Cape Cross, delle formazioni rocciose dei monti Drakensberg ci convinsero in fretta e partimmo. E colloco questo viaggio nella top 3 di tutti quelli che ho fatto. La natura ai suoi massimi livelli (sia mondo animale che minerale) non mi ha mai lasciato dubbi.

Foto NAMIBIA, ZIMBABWE

Paesi attraversati: Namibia, Zimbabwe (Viaggio ATM)
Itinerario: 
in Namibia: Windhoek, Fish River Canyon, Lüderitz, Kolmanskop, Sossusvlei, Namib Nat. Park, Swakopmund, Cape Cross, monti Drakesberg, Khorixas, Twyfelfontein, terrazze dell’Ugab, Kaokoland, Opuwo, Etosha Nat. Park, Waterberg Nat. Park;
in Zimbabwe: cascate Vittoria e Victoria Falls Nat. Park;
Periodo: luglio-agosto 1990
Durata: 1 mese
Ne parlo nel libro: Il Gatto Buddhista

La sabbia invade le case nella città fantasma di Kolmaskop (Namibia)

venerdì 15 gennaio 2016

Viaggio in INDOCINA (Tailandia, Laos, Cambogia)

Wat Mahathat a Phitsanaloke (Tailandia)
Paesi attraversati: Tailandia, Laos, Cambogia
Itinerario: 
in Tailandia: Bangkok, Ayutthaia, Phitsanaluk, Sukhothai, Chiang Mai, Tha Thon, Triangolo d’oro;
in Laos: Luang Namtha, Muang Sing, Muang Khua, Muang Ngoi, Louang Prabang, Vang Vieng, Vientiane,
in Cambogia: Phnom Penh, Kampong Thom, 
Sambor Prei Kuk, templi di Angkor, Koh Kher, Preah Viear, lago Tonle, Battambang
Periodo: novembre-dicembre 2015
Durata: 1 mese 
Ne parlo nel libro: Ci sono posti così

Un viaggio attraverso tre paesi simili tra loro e simili anche ai confinanti Birmania e Vietnam. Li separano infatti solo linee di confine che nei secoli sono stati spostati e modificati molte volte. Stessa religione, costumi simili e storia comune per secoli. 

Foto INDOCINA (Tailandia, Laos, Cambogia)

Paesi attraversati: Tailandia. Laos, Cambogia
Itinerario: 
in Tailandia: Bangkok, Ayutthaia, Phitsanaluk, Sukhothai, Chiang Mai, Tha Thon, Triangolo d’oro;
in Laos: Luang Namtha, Muang Sing, Muang Khua, Muang Ngoi, Louang Prabang, Vang Vieng, Vientiane,
in Cambogia: Phnom Penh, Kampong Thom, Sambor Prei Kuk, templi di Angkor, Koh Kher, Preah Viear, lago Tonle, Battambang
Periodo: novembre-dicembre 2015
Durata: 1 mese 


Il villaggio flottante di Komphong Phluk (Cambogia)